NOTA! Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente e la qualità dei servizi. Per saperne di piu' Cookie Policy.

 RODOLOGO6                                                                                           

 

RESOCONTO ASSEMBLEA SINDACALE DEL 18/01/2017 E SUCCESSIVO INCONTRO CON DIRIGENTE SCOLASTICO

Proposte assemblea

1) Anna, a nome dei collaboratori scolastici di via Baldovinetti, solleva una questione di ordine pratico con risvolti anche per quel che riguarda la sicurezza. Capita spesso, per esigenze didattiche o altro motivo, che gli insegnanti decidano di spostare gli studenti dalla classe assegnata in altra non prevista dall’orario. In questo caso il personale, se non preventivamente avvisato, non ha modo di rintracciare la classe, qualora se ne presenti la necessità. Questo fatto genera problemi anche di sicurezza. Pertanto si chiede di comunicare preventivamente in portineria l’intenzione di spostarsi dall’aula assegnata ad un’altra. Il Dirigente è stato informato della cosa nell’incontro pomeridiano.

2) LETTURA CIRCOLARI durante l’ora di lezione.

Dato l’elevato numero di comunicazioni giornaliere che affliggono sia i docenti che i collaboratori scolastici viene chiesto al Dirigente Scolastico di cercare una soluzione. Tra le possibili soluzioni quella di inserire le circolari direttamente nel registro di classe con apposita segnalazione visiva (promemoria). Il Dirigente si è ripromesso di studiare una soluzione.

3) Compensi accessori: FIS e BONUS.

Ad inizio incontro si è provveduto a distribuire ai presenti fotocopia del materiale con la propostadel Dirigente di ripartizione dei compensi per l’A.S. 2016/2017; questa prevede la riduzione dei compensi dei coordinatori di classe e di alcune altre figure (p.e. commissione orario) e la compensazione di tale perdita attraverso una integrazione derivante dall’impiego dei soldi del cosiddetto bonus. Tuttavia, data l’incertezza legata proprio a quest’ultima voce, l’assemblea approva all’unanimità il ripristino dei compensi come da contrattazione dell’a.s. precedente non considerando per il momento il bonus.

Tra l’altro, l’assemblea ha discusso dei criteri di attribuzione del bonus stesso, a suo tempo approvati dal CD e fatti propri dal Comitato di Valutazione, rilevando la necessità di una riformulazione in sede di Collegio Docenti soprattutto all’insegna della massima trasparenza e fornendo criteri oggettivi e molto dettagliati.

Sarebbe inoltre opportuno, secondo noi, che tutti riprendessimo visione dei criteri esistenti attualmente per l'attribuzione del bonus ( ovvero quelli stabiliti dalla Dirigente Pecetta), sia per chi dovrebbe averli approvati ma non li ricorda, sia per tutti i docenti nuovi che quest'anno non sono pochi. Quindi i vecchi criteri andrebbero nuovamente diffusi in modo che poi possiamo discutere l'eventuale cambiamento.

Alcuni colleghi hanno poi chiesto chiarimenti circa i corsi di recupero e i fondi utilizzati per la loro realizzazione, sottolineando la loro contrarietà al fatto che i fondi vengano reperiti dal contributo volontario delle famiglie.

Per quanto riguarda i dati relativi alla attribuzione del bonus dell’anno precedente, bonus che per il momento è stato retribuito nella misura dell’80%, è stato chiarito dal Dirigente che sarà consentito alle RSU l’accesso ai dati e che queste potranno comunicarli solo verbalmente a chi ne farà richiesta, fermo restando che nessuno è autorizzato alla diffusione di tali dati a mezzo pubblicazione e chi dovesse incorrere in tale evenienza se ne assume le responsabilità.

4) Le RSU sollecitano una riflessione circa le problematiche sollevate dalla legge 107 “la buona scuola” in merito all’alternanza scuola-lavoro e alla formazione obbligatoria. Si ricorda che qualsiasi attività svolta fuori dall’orario di servizio, che non rientri nelle “normali mansioni dell’insegnamento” (preparazione di lezioni, materiale didattico, verifiche, correzioni ecc.) dovrebbe essere retribuita. In particolare, per quel che riguarda la formazione docenti, la legge non pone particolari vincoli pertanto dovrebbe essere il CD a decidere il monte ore e a proporre attività o iniziative, senza dover per forza aderire a proposte esterne che, immancabilmente prevederanno impegni fuori orario di servizio senza compensi. Va da sé che qualsiasi proposta approvata dal CD sarà vincolante. Sarebbe auspicabile un confronto aperto che coinvolga tutti i docenti con lo scopo di individuare una linea di condotta comune e delle proposte concrete da sottoporre al Dirigente. Per esempio alcune attività dell’alternanza scuola-lavoro o alcune attività progettuali (mi viene in mente il LAB2) potrebbero rientrare nel contesto della formazione. Il tutto deve però essere specificato ed approvato dal CD.

Incontro col dirigente

Punti 1 e 2 si legga sopra

3) Il Dirigente ha accettato la proposta di ripristino dei compensi, congelando per il momento il bonus in attesa di avere informazioni certe. Il Dirigente è in sintonia col personale circa la necessità di definire meglio i criteri di attribuzione del bonus premiale e sottolinea l’importanza della massima trasparenza.

Per quanto riguarda i corsi di recupero, il Dirigente ha sottolineato il fatto che non sarebbe possibile attuarli se non attingendo al fondo dei contributi volontari delle famiglie. Stiamo parlando di cifre intorno ai 40000,00 €.

Firenze, 18/01/21017

                                                                                                          Firmato

                                                                                                          Le RSU

APPROFONDISCI

ottenere la certificazione linguistica

       

   

REGISTRO ELETTRONICO

FAMIGLIE1   DOCENTI1      

UTILITA'

bibliopodecalendario     bullismo